venerdì 27 luglio 2007

L'esordio della "Salmantina" a Firenze


Ieri sera a La Cité ho presentato in prima assoluta la Salmantina che non andava in scena da quando la facemmo con la Compagnia di Fernando a Siena e a San Gimignano nel 1991! Da allora sono state rimontate alcune coreografie di quello spettacolo ma la Salmantina mai, anche perché era molto difficile ricreare un costume simile. Quest’anno che ho ripreso i costumi originali di Fernando a Madrid, non vedevo l’ora di ballarla! La versione originale prevedeva 6 o 8 coppie e con gli effetti luce in teatro certo faceva un altro effetto, infatti fu uno dei pezzi che riscossero più successo (il preferito di mia mamma!). Essendo da sola ho dovuto abbreviarla un po’, ma nonostante che non ci fosse neanche il palco, anche ieri sera ho preso un sacco d’applausi dal pubblico, inizialmente sbalordito dall’abito strano (i passanti per strada si sono fermati a guardarmi attraverso la vetrina pensando “Ma di che razza di ballo si tratta…?”). In effetti se non fosse per le nacchere e la mantiglia sarebbe impossibile collegare questa danza alla Spagna!
Oltre alla Salmantina ho ballato un pezzo di classico spagnolo, una rumba e uno di flamenco arabo. Abbiamo cominciato un po’ dopo le 22 perché all’inizio non c’era gente (una signora alle 21 ha telefonato chiedendo se ce la faceva a vedere lo spettacolo partendo allora da Pistoia!), poi improvvisamente si è riempito di un sacco di gente di tutte le età ma soprattutto di ragazzi sui trent’anni!
Il posto è molto carino, particolare col soppalco di legno, un’oasi di fresco col caldo che era fuori! I prezzi delle consumazioni sono contenuti e l’atmosfera decisamente informale.
Spero di ballarci ancora! ;)

La Salmantina:

da la zarzuela "La Linda Tapada" del 1924 musica di Francisco Alonso, coreografia e costumi di J. Fernando Hiram.

2 commenti:

holikarang ha detto...

che bel costume...

Manuela ha detto...

Grazie Marged, sono contenta che ti piaccia!