giovedì 25 maggio 2017

Rumba verde




al baile Manuela
cante e chitarra Gigi Cardigliano
violino e chitarra Gabriele Savarese

19 maggio 2017

mercoledì 24 maggio 2017

29 Giugno Danze a San Salvi per gli animali

Giovedì 29 giugno 2017 dodicesima edizione dello spettacolo di danza Raksa Khayriya in favore degli animali abbandonati.
La nostra serata a San Salvi come ogni anno presenterà danze di diversi generi (orientali, spagnole, classiche, contemporanee ecc.) grazie ad artiste che collaborano a quest'iniziativa fin dall'inizio come Gaia Scuderi (l'ideatrice), Manuela Rapi e Roberta Bongini (coreografa, regista, maestra di Danza Espressiva) ed a vari ospiti, alcuni nuovi ed altri che hanno partecipato a qualche precedente edizione.
Ingresso 10,00 euro: il ricavato sarà interamente devoluto al canile-gattile di Sesto Fiorentino.
Vi aspettiamo nel parco di San Salvi alle 21,30 presso la splendida location realizzata da Chille della Balanza.
Via di San Salvi 12, padiglione 16
50135 Firenze

mercoledì 26 aprile 2017

Libro Mercantia 2016

La pagina di AzulejosDanza (gruppo composto da me ed Ivana) in Alhambra nel giardino di Casa Boccaccio, sul libro/catalogo degli artisti che hanno partecipato a Mercantia 2016.


martedì 18 aprile 2017

Serata spagnola: cena e spettacolo musica dal vivo 19 maggio 2017

Cucina iberica e spettacolo di danza spagnola con musica dal vivo Dal Flamenco al Caribe, organizzati da Simona Pierazzuoli venerdì 19 maggio a Settignano

Costo della serata 15 euro.

Menù fisso:
tortillas e insalata
paella di carne e pesce
crema catalana
sangria
(possibile alternativa vegan/vegetariana su prenotazione)
A fine cena la calda voce di Gigi insieme a chitarra, violino ed alle travolgenti danze di Manuela, trascineranno il pubblico nelle seducenti atmosfere andaluse, tra Flamenco e sonorità di ida y vuelta, dalla Spagna al Caribe.
al baile: Manuela Rapi
musica: Gigi Cardigliano cante e chitarra; Gabriele Savarese chitarra e violino

Inizio della serata ore 20,30
Prenotazione obbligatoria 055 697007

Dove: Casa del Popolo di Settignano Via di S. Romano 1, 50135 Firenze
(nella piazza principale di Settignano di fronte alla Misericordia)


lunedì 10 aprile 2017

Flamenco arabo 4 domeniche d'autunno

4 incontri domenicali di 3 ore per un totale di 12 ore di lezione con Manuela a Firenze

Principi e movimenti fondamentali del Flamenco e della danza araba. Le diverse energie: la forza del Flamenco e la morbidezza della danza araba. Utilizzo della gonna. Ritmo e musicalità, dalla musica arabo-andalusa a quella gypsy. Cenni storici.
A partire dalla prima domenica di ottobre dalle 14,30 alle 17,30. Al termine del percorso verrà rilasciato un attestato di frequenza.
Ogni incontro si svilupperà in 4 parti:
1. Riscaldamento
2. Esercizi sul tema del giorno
3. Breve sequenza coreografica
4. Stretching/rilassamento

Programma:
1° incontro:
Differenze e similitudini tra Flamenco e Danza araba; postura del corpo, morbidezza ed elasticità. 
2° incontro:
Portamento e senso del ritmo: i principi fondamentali del Flamenco; studio delle braccia e delle mani.
3° incontro:
Coordinazione ed utilizzo della gonna nel Flamenco arabo
4° incontro:
Danze Gypsy e sintesi del corso.

A chi è rivolto: possono partecipare persone che abbiano una base di Flamenco o di Danza araba oppure almeno 2 o 3 anni di studio di Danza classica o Contemporanea.
A breve date ed altri dettagli

  

martedì 28 marzo 2017

Flamenco arabo autunno 2017 Firenze

Dal prossimo Ottobre terrò un ciclo di incontri domenicali sul Flamenco arabo e le Danze Gypsy a Firenze, a breve tutti i dettagli!


lunedì 6 marzo 2017

L'improvvisazione rivela come siamo

La magia si crea spontaneamente quando l’energia fluisce tra tutti i presenti, quando chi suona, chi canta, chi balla ed anche chi guarda sono sulla stessa lunghezza d’onda.
La scintilla si innesca solo se siamo autentici e non quando l’obiettivo è quello di esibirsi, di mostrare quanto siamo bravi. Se la spinta a muoversi è viscerale, genuina, vai perché la musica ti chiama ed allora esplodi, smetti di pensare, ti apri, ti connetti con tutto ciò che ti circonda e ti dai senza limitazioni né preoccupazioni. Qui, nell'improvvisazione sintonizzata con gli altri su musica dal vivo, si vede veramente di che pasta sei fatto e se sei costruito o concentrato su te stesso non funziona. Quando non c’è nulla di strutturato, senza orpelli né coreografie, non è possibile bleffare: se sei fasullo si vede. Per creare magia bisogna essere veri. 

lunedì 27 febbraio 2017

Klimt experince Firenze 2017

Klimt experience non è solo una esposizione multimediale interattiva, è un portentoso bagno di suoni e colori! Appena entrati nella sala siamo immediatamente trasportati in un’altra dimensione quella dell’Arte a tutto tondo: la musica ci rapisce e le immagini ci incantano in un incredibile trip. L’effetto sui presenti è un po’ quello di una seduta di cromoterapia e di musicoterapia insieme, esaltante e rigenerante. Le figure si avvicendano, si disgregano e si ricompongono su tutte le superfici della sala in una danza corale (in certi momenti ho fatto fatica a restare ferma!) accompagnati da Mozart, Beethoven, Strauss e da altri celebri compositori. Una selezione musicale strepitosa! La forza evocativa, il mondo simbolico e floreale delle opere di  Klimt si presta particolarmente bene a questo genere di rappresentazione grafica, realizzata con grande maestria da un gruppo tutto italiano.
Alcuni momenti sono particolarmente travolgenti come quello della pioggia d’orata e quello in cui note e chiavi di violino bianche si rincorrono sulle pareti scure mentre un corpo di donna si abbandona a questo mare di musica, rispecchiando perfettamente il mio stato d’animo.

La chiesa sconsacrata di Santo Stefano al Ponto del 1100 (uno dei gioielli nascosti di Firenze) è una location perfetta; la proiezione dura circa 40/45 minuti, si può entrare in qualsiasi momento e sedersi sulle panche o per terra. 
L’allestimento comprende anche la possibilità di sperimentare la tecnologia avanzata di realtà virtuale attraverso gli oculus samsung gear vr che consente letteralmente di entrare all'interno di alcuni quadri famosi, percependone tridimensionalmente ogni dettaglio figurativo e cromatico. 

Un’esperienza eccezionale che io ripeterei volentieri, adatta a grandi e piccini.